Barolo

Pubblicato il 13 Dicembre 2018

 

  • Panorama di Barolo,Langhe,Cuneo,Piemonte
    Panorama di Barolo
  • Barolo,colori delle Langhe,Cuneo,Piemonte
    i colori delle Langhe
  • Barolo,Il panorama verso le colline,Langhe,Cuneo,Piemonte
    Il panorama verso le colline
  • Barolo,Piazza Falletti e il castello,Langhe,Cuneo,Piemonte
    Piazza Falletti e il castello
  • Barolo,passaggio ipogeo sotto la chiesa di Sant'Agostino,Langhe,Cuneo,Piemonte
    passaggio ipogeo sotto la chiesa di Sant'Agostino
  • Barolo,Via Collegio,Langhe,Cuneo,Piemonte
    Via Collegio
  • Barolo,Via Acqua Gelata,Langhe,Cuneo,Piemonte
    Barolo, Via Acqua Gelata
  • Barolo,La Locanda in Cannubi e le cantine Fratelli Serio & Battista Borgogno,Langhe,Cuneo,Piemonte
    La Locanda in Cannubi e le cantine Fratelli Serio & Battista Borgogno
  • Barolo,Texture delle Langhe,Cuneo,Piemonte
    Texture delle Langhe
  • Barolo,La chiesa parrocchiale, dedicata a S. Donato,Langhe,Cuneo,Piemonte
    La chiesa parrocchiale, dedicata a S. Donato
  • Barolo,La chiesa parrocchiale, dedicata a S. Donato,Langhe,Cuneo,Piemonte
    La chiesa parrocchiale, dedicata a S. Donato
  • Il castello della Volta,Barolo,Langhe,Cuneo,Piemonte
    Il castello della Volta
Questa volta siamo andati a fare due passi a Barolo! Abbiamo scelto il periodo in cui si vendemmia, camminare per le vie del borgo sentendo il profumo del mosto è davvero inebriante!
Il borgo di Barolo (Bareu o Bareul in piemontese) si trova nella storica regione delle Langhe, in Piemonte. Adagiato su di un piccolo altopiano, a forma di sperone, è protetto dai rilievi circostanti, disposti ad anfiteatro. Colpisce della sua conformazione il diverso posizionamento del suo nucleo urbano rispetto ai paesi adiacenti, posti attorno alla sommità di un colle o lungo un crinale. Il paese non è molto grande, lo si gira in pochi minuti e gli edifici di interesse sono un paio: il castello e la chiesa parrocchiale.
Il castello che domina l'ampio sistema di colline coltivate ad uve Nebbiolo fu costruito nella sua prima fase attorno all'anno 1000. Il nome del paese deriverebbe dal celtico "bas reul", luogo basso, come di fatto è rispetto ad altri paesi della zona. Verso il 1250 il feudo passò ai Falletti, la cui dinastia ne rimase proprietaria fino al 1864, con Giulia che per prima sperimentò il metodo di vinificazione del Barolo, così come oggi lo conosciamo. All'interno del castello oggi ha sede l'Enoteca Regionale del Barolo , dove è selezionata la produzione più pregiata dei vini locali e il Museo del Vino.
La chiesa parrocchiale, dedicata a S. Donato, risale alla prima metà del Settecento. E’ una ricostruzione di quella antica, che a sua volta fu già ristrutturata nella metà del Cinquecento. E’ a tre navate con cupola ottagonale e con sei altari laterali. Nella tomba davanti l’altare maggiore hanno sepoltura i Falletti, signori di Barolo.
Lungo le vie ovviamente non mancano le enoteche, dove, volendo, si posso acquistare i vari vini. E’ presente anche il Museo dei Cavatappi! Noi, dopo aver faatto colazione ed alcuni acquisti ci siamo incamminati verso le colline per goderci i magnifici scorci che offrono!